Sara

Mi chiamo Sara. Antropologa di formazione e fotografa prima di tutto per passione.

Su un’isola deserta porterei libri e vino rosso (ma la verità è che su un’isola deserta non ci andrei mai, perché non saprei con chi parlare e mi verrebbe l’ansia).

Ho la memoria olfattiva e una perenne nostalgia di epoche mai vissute.

Amo camminare, scrivere incipit, i fiori, le citazioni e l’autunno. Detesto scrivere la mia biografia, il coriandolo e i giudizi non richiesti. Credo nella reincarnazione, in Bridget Jones e in un mondo migliore.

Sento sempre l’esigenza di viaggiare e scoprire posti nuovi, ma la meraviglia e la capacità di stupirmi me la porto nel cuore, come un bagaglio, ogni singolo giorno.