Marrakech – Tre giorni di luce, profumo e colore

IMG_2604

Ecco qualche storiella sulla mia maratona olfattiva e sensoriale.

Il mio viaggio a Marrakech è stato per un regalo ad un’amica. Siamo state lì per 4 giorni circa, visitando solo la città e concedendoci una lussuosissima mattinata all’hammam.

Se siete cercatori di minimalismo e pace, lasciate perdere questa meta che è un caleidoscopio sensoriale raro.

IMG_2794_I

Mi aspettavo qualcosa di simile al sud della Spagna, qualcosa di molto turistico e, per carità sì, Marrakech è molto turistica, ma è anche Maghreb senza se e senza ma. Sono turista europea, donna e non musulmana. Questo pone tutto ad una distanza diversa e alza notevolmente il livello di difficoltà nelle comunicazione e nei rapporti umani al di fuori delle compravendite del mercato (ma anche in quelle).

IMG_2954_I

Sensazioni da vetero femminista bianca a parte, Marrakech è un posto incredibile, una piccola città bellissima e carica di sensazioni contrastanti che vi accompagneranno per tutto il viaggio.

IMG_2925_I

In 4 giorni noi siamo riuscite a vedere quasi tutto quello che la Medina propone. Al di fuori troverete il deserto, i quartieri dei super ricchi e qualche bel(lissimo) giardino. Diciamo che per il mio immaginario Marrakech è la Medina, quello che volevo vedere e cercavo stava tutto lì: i souk, i palazzi dalle mille e una notte, le spezie, l’argento, il tè alla menta, i gatti rognosi, i labirinti di stradine e vicoli, il colore rosso degli edifici e delle strade, il caldo, le trattative dei mercanti… insomma più o meno tutto quello che i miei sensi possono gestire in 4 giorni di permanenza.

Qualche suggerimento:

  • Preparatevi al caldo e alla polvere, agli odori e ai profumi fortissimi che impregnano tutto e non vi abbandoneranno fino alla pressurizzazione della cabina dell’aereo.

IMG_2490_I

photo5841619113196235391

  • Non lasciatevi ingannare dalle bevande fredde, il tè caldo alla menta è ciò che vi terrà davvero al sicuro dalla sete.
  • Prima di prenotare il viaggio assicuratevi che il periodo da voi scelto non ricada all’interno del Ramadan: trovereste difficile mangiare, bere, fare un po’ tutto e gli manchereste pesantemente di rispetto nel pretendere di fare comunque quello che volete (ad esempio non è carino fumare in loro presenza durante questo periodo).

IMG_2850_I

  • Se siete amanti della pelletteria e dell’artigianato portatevi dietro una lavatrice di soldi perché come lavorano il pellame, l’argento, il legno e le stoffe qui… (ho lasciato il cuore in un paio di botteghe che ciao a tutti e grazie).

IMG_2763

IMG_2768

IMG_2624 - Copia (2)

  • Fidatevi di quello che mangiano loro e non di quello che mangereste voi.
  • Trattate e contrattate il prezzo di qualsiasi articolo vogliate comprare. Gli articoli che hanno un loro prezzo (fisso) sono sempre indicati, per tutto il resto assecondateli in questo gioco, che per loro è importante e dà valore aggiunto alla merce – un ragazzo ci ha spiegato che negli ultimi anni alcuni mercanti hanno smesso di vendere ai turisti russi, che comprano a qualsiasi prezzo, alto o basso che sia, senza trattare e quindi svalutando ai loro occhi la merce; alla domanda “quanto costa?” la risposta è sempre “No! dimmi tu quanto vale secondo te e quanto mi vuoi offrire per questa cosa, poi vediamo quanto costa”. È strano per noi, ma per loro è parte di quel mondo affascinante che è il mercato, fatto di schiamazzi, sorrisi, insulti, persuasione e alla fine magari buoni affari e strette di mano.

IMG_2557

IMG_2797_I

IMG_2793_I

Se non siete abituati, lasciatevi andare e fatevi coinvolgere nel gioco del “tirare il prezzo”. In alcuni casi si esce vincitori, ma tenete conto che per loro è un’arte e un mestiere e sono incredibilmente bravi nell’esercitarli.

  • Ricordatevi che i non musulmani e le donne non possono entrare nelle moschee.
  • Soggiornate nei Riad piuttosto che negli alberghi. Queste loro abitazioni, oltre ad essere ME-RA-VI-GLIO-SE, vi permettono di passare notti al fresco e immersi in un silenzio che ha dell’incredibile.

Riad

photo5846035340303903214

IMG_2504_I

  • Trovate un modo per vedere la Medina dall’alto.

IMG_2637 - Copia

IMG_2641

IMG_2822_I

IMG_2957_I

  • Il richiamo alla preghiera si sente in ogni angolo della città e viene intonato anche nel cuore della notte. Lasciatevi incantare.
  • Preparatevi alle loro insistenze per convincervi a comprare, a mangiare, a sedervi, a entrare nelle erboristerie, nei locali… Non sentono i vostri no, portate pazienza e non siate manchevoli di rispetto (in caso contrario da insistenti diventano decisamente poco cortesi).
  • Ricordatevi che non siete a casa vostra, non siete in Europa: portate rispetto per loro, per tutte le loro tradizioni e usanze esattamente come vorreste fosse fatto da parte di altri nella vostra di casa.

Processed with VSCO with kk1 preset

 

Detto questo, passiamo invece ad elencare le cose che vi succederanno con certezza matematica:

  • Vi perderete nei souk

IMG_2660_i

photo5841528734199425510

IMG_2969_I

Processed with VSCO with a3 preset

IMG_2810_I

  • amerete il te alla menta e il profumo di fiori d’arancio

IMG_2670_I

  • Andrete a vedere i giardini Majorelle (avete presente Yves Saint Laurent? ecco, il suddetto e Pierre Bergé comprarono il giardino del pittore Jacques Majorelle nel 1980…e chiamali scemi) e vi domanderete come fanno ad esserci colori del genere in mezzo al deserto.

IMG_2759

IMG_2750

IMG_2748_I

IMG_2742_I

IMG_2738 - Copia (2)

IMG_2734

IMG_2728

IMG_2716

  • Andrete a visitare il Palais Bahia e ne uscirete con la brillante tentazione di piantare almeno 4 aranci nel vostro salotto una volta rientrati in Italia.

Processed with VSCO with f2 preset

IMG_2904_i

IMG_2875_I

IMG_2872_I

IMG_2863_i

IMG_2597

– I giardini all’interno dei palazzi più famosi, lussuosi ed antichi sono qualcosa di meraviglioso: il contrasto tra il caldo secco e il rosso degli edifici dall’esterno e i colori sgargianti di fiori e fontane all’interno delle mura lascia senza fiato. Troverete decorazioni in legno di cedro fatte a mano, mosaici, fontane, pesci e ninfee, fiori esotici e piante grasse, foreste di bamboo, gazebi e chiostri da sogno, immersi nel silenzio, a pochi metri dal delirio dei souk. E’ come passare tra un mondo ed un altro attraversando semplicemente porte di legno profumato e lavorato come pizzo. –

photo5841528734199425511

photo5841658721384638899

photo5841658721384638898

  • Vi farete spillare svariate manciate di euro in moneta dagli incantatori di serpenti, dai cavadenti e dagli ammaestratori di scimmie: si fanno fotografare solo sotto compenso, voi tenterete di fargli foto di nascosto fingendo di farvi selfie o usando stratagemmi simili, ma niente, sono molto più sgamati di voi e sono circondati da spie ninja probabilmente.
  • Non riuscirete a spiegarvi l’escursione termica tra la strada e l’interno del riad che sta a 40 cm dalla strada.

IMG_2567

  • Vorrete comprare una tonnellata di argento, 600 metri quadrati di stoffe colorate di pregevole fattura, una porta in legno di cedro intagliata a mano, ma poi vi ricorderete di avere solo un trolley piccolo che non potete imbarcare,  comprerete tantissime stronzatine piccole e inutili, e mettendole nel trolley piccolo vi domanderete perché cazzo le avete comprate e a chi regalarle una volta rientrati.

IMG_2924_i

IMG_2799_I

IMG_2791_1

IMG_2789_I

IMG_2787_I

IMG_2790_1

IMG_2792_I

 

  • mangerete i dolci più dolci che le vostre papille gustative e i vostri denti possano concepire
  • non vedrete nemmeno un cagnolino, ma tantissimi gattini.
  • Rischierete di essere investiti, camminando per i souk, da un motorino, un carretto o un asino
  • Rimarrete sconvolti nel vedere come, quanto e quanto in fretta cambia Jemaa el Fna (la piazza del mercato) dal giorno alla sera: la piazza ampia, spaziosa e semivuota, diventa un mercato fitto, fumoso, colorato e vivo.

IMG_2840_I

IMG_2825_I

IMG_2830_I

  • Vi riperderete nei Souk.

 

Insomma: Marrakech è magica, sporca, calda, polverosa, complicata e bellissima e scoprirete che il deserto può essere blu, rosso, verde e di altri mille colori.

IMG_2572_I

IMG_2929

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *